Mirò – Forte di Bard

Mirò - Forte di Bard

Personalmente non mi piace molto Mirò, non è uno stile che riesca davvero a coinvolgermi, o a dirmi qualcosa, certo alcuni quadri sono molto belli e particolari, ma nulla di più.Nonostante questo quando ci sono mostre importanti, di artisti che nel bene e nel male hanno fatto la storia della pittura, una visitina bisogna sempre farla. Al Forte di Bard in Valle d’Aosta, fino al primo novembre è allestita la mostra “Joan Miró. Poème”, 192 opere dell’artista catalano, che nel corso degli anni ha sperimentato diversi materiali, dalla tela, alla ceramica, dalle sculture alle litografie.



Il Forte di Bard dedica quattro spazi espositivi alle opere di Mirò, il Deambulatorio, il corpo di guardia, le cannoniere e le cantine, un modo per cercare di unire l’arte e l’architettura, il passato del genio militare con il più moderno genio creativo artistico.


Un percorso espositivo che ci presenta opere molto diverse tra loro, schizzi su materiali di recupero come giornali e cartoni, grandi opere su tela, tantissime sculture dalle forme molto insolite, e giganteschi arazzi.Non ci sono opere molto famose o conosciute dai più, ma il grande numero di sculture e dipinti presenti, offre al visitatore la possibilità di immergersi nel mondo dell’artista, un modo per conoscerlo meglio, per scoprire altre forme creative, altre opere oltre le solite classiche.





Interessante poi l’ultima parte della mostra, cinque sale dedicate ad un aspetto importante della produzione di Mirò. i libri illustrati, molte le pagine presenti, per evidenziare il suo amore per la grafica,linee e colori che decorano in maniera unica libri e riviste.Se vi capita andate a visitarla, già solo vedere il Forte ripaga del viaggio.

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *