I SubsOnica:15 anni dopo

I SubsOnica:15 anni dopo
Non so bene quando sia cominciato il tutto, mi ricordo solo di qualche video musicale guardato in televisione, la ricerca di qualche informazione e l’acquisto del primo cd. Da subito la consapevolezza di trovarmi di fronte ad una band musicale unica, una musica per me nuova, suonata inoltre da un gruppo della mia città da ragazzi che conoscono i miei stessi posti, che frequentano gli stessi locali, che in qualche modo conoscono la mia realtà con i suoi problemi e le speranze

.Mi appassionai subito e poco dopo mi ritrovai nel vecchio Palastampa a Torino ad assistere al primo di una lunga serie di loro concerti, spettacoli come sempre unici, ricercati e mai banali, la volontà da sempre di creare qualcosa che resti, musica sì, ma anche spettacolo, coreografia di luci, uso di video e immagini per sottolineare testi, parole, emozioni.
Non so bene a quanti concerti ho assistito da allora, sicuramente a più di dieci, forse 15, come 15 sono gli anni che oggi i Subsonica festeggiano e per l’occasione hanno organizzato un tour che ripropone i brani del primo album “Subsonica” insieme ad altri successi più recenti, tra i quali quelli dell’ultimo cd “Eden”.
Uno spettacolo diviso in due parti, la prima più intima, con luci accese, un telo come sfondo con l’immagine del primo album, e la formazione originaria del gruppo con Pierfunk al basso per suonare insieme le prime canzoni della loro storia.Nella seconda parte il palco si illumina, cambia lo scenario e anche la musica, ci si scatena con i loro pezzi più famosi, un Samuel scatenato non si risparmia cantando e correndo su e giù dal palco per ben due ore e mezza di concerto.Palaisozaki gremito di gente, fan della prima e dell’ultima ora, un pubblico eterogeneo, cinquantenni e adolescenti, tutti entusiasti di rivedere i 5 ragazzi di nuovo a casa.

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *