It’s time to sushi!

It's time to sushi!
Si avvicina il week end, se pensavate di andare a mangiare fuori il sushi, perchè non provare per una volta a prepararselo da soli a casa? Potrebbe essere la scusa perfetta per comprare degli accessori di design per mangiare il sushi in casa.Ci sono in commercio ormai tantissimi tipi di bacchette, tazze, ciotole, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

“Kobe Sushi at All” è un set composto da un vassoio in legno di bambù di dimensioni 30×20 cm e 5 cm di altezza, con a fianco il posto per le famose bacchette e i due piattini in ceramica per la soia, il wasabi e qualsiasi altra salsina che più ci piace. Ideato dal designer Bjørn Blisse, è disponibile sul sito Vivachistyle al prezzo di $99.95. 

Se invece volete qualcosa di ancora più minimale, ecco il “Masi sushi try”, un piatto molto semplice ideato dal brand Desu Design e in vendita sul sito dell’azienda.

Per tutti gli amanti del sushi (come me) e per chi vuole sempre stare attento all’ambiente, ecco le nuove bacchette a basso impatto ambientale, per poter mangiare giapponese o cinese tutte le volte che vogliamo senza inquinare.In Giappone ogni anno vengono prodotte 250 bilioni di bacchette usa-e-getta, si può immaginare quindi l’inquinamento che ne consegue, e per cercare di porre rimedio a questa situazione Yuento ha ideato per Idea International le“My Hashi” (mie bacchette). Si tratta di bacchette in bamboo tutte colorate, dal design davvero accattivante, grazie anche alla loro confezione in policarbonato che permette di appenderle dove vogliamo. Disponibili sul sito A+R Store in diversi colori, a soli 16 dollari.

Se cercate un paio di bacchette particolari, multiuso, ecco quelle ideate dalla designer Aïssa Logerot,adatte per gli amanti della cucina giapponese-cinese e per tutti quelli che ogni tanto hanno dei problemi a mangiare senza posate. Si tratta infatti di bacchette che posseggono un particolare innesto, una parte concava, che trasformano le bacchette in un cucchiaio, da utilizzare per mangiare le zuppe, o per avere un piccolo contenitore dove mettere la soia e le altre salse da utilizzare mentre mangiamo il sushi. “Chopsticks Plus One” è un oggetto davvero utile ed originale, perfetto per i sushi addicted!




Uno dei problemi per gli appassionati del sushi è quello di non avere molta dimestichezza con le bacchette, riusciamo si a prendere le nostre composizioni di pesce e riso, ma se si tratta di qualche altro piatto, qualcosa di più complicato come gli spaghetti di soia, bè allora le cose si fanno decisamente difficili. Per chi come me ha spesso dei problemi, ecco le posate ideali, perfette per tutti i piatti e tutte le situazioni: le posate “Twin One” ideate dai fratelli Adrian e Jeremy Wright dello studio DesignWright. Questa nuova posata progettata per il marchio spagnolo Lékué, riesce a mixare in modo intelligente occidente ed oriente, una forchetta e un coltello si incastrano per dar vita ad un perno che trasforma le classiche posate in comode bacchete cinesi.In questo modo basterà smontare le bacchette per utilizare la forchetta e con la stessa facilità rimontare le posate per le pietanze orientali. Il tutto unito ad uno stile semplice, minimale con tocchi di colore.Geniali.


Anche le ciotole per mangiare il riso hanno la loro importanza, se cercate qualcosa di davvero originale ecco le Japanese Bowl del designer messicano Manuel Estrada.A parte la loro forma molto singolare, con il bordo molto alto e un taglio diagonale, la loro novità consiste nelle decorazione, avete riconosciuto i personaggi?Sono i protagonisti di Pulp Fiction in stile manga.

Per chi ha gusti più raffinati c’è la collezione Milmil serving di Covo ideati dal designer Kazuhiko Tomita, accessori realizzati in porcellana decorata a mano e che si presentano con sei tipi differenti di decorazioni, sei segni originali che raccontano gli elementi naturali e la loro forza: “karakusa” la rigenerazione eterna della vita; “rain on waves” il flusso costante dell’acqua; “
sparkles on stripes” fasce generazionali di stelle; “genome stripes” genomi di vita; “burning windows” energia e calore; “whirpool circles”, piccole galassie nell’universo. 

Share

Comments

  1. …io lo preparo solo se faccio la Samantha della situazione… eh eh eh

  2. be allora non hai bisogno di piatti e vassoi!:-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *