Letture autunnali:La regina della casa

Con l’arrivo dell’autunno ritornano le mie piccole, brevi, e senza impegno recensioni sui libri che leggo durante i miei lunghi viaggi in pullman. Come sempre aspettatevi di tutto, perchè io amo cambiare, e quindi salto dai romanzi storici, ai saggi politici, dai libri d’arte alle poesie, dai grandi classici agli ultimi best seller. Sicuramente troverete qualcosa che farà anche al caso vostro.
Buona Lettura!
Lo stile della Kinsella mi piace molto: leggero, frizzante, divertente,perfetto per le sue storie sempre molto divertenti, con personaggi un pò sfortunati ai quali subito ci si affeziona.Libri se si vuole un pò frivoli, ma comunque piacevoli,adatti a passare un paio d’ore senza pensieri.Questo è quello che avviene di solito. Purtroppo “La regina della casa”, pur conservando tutte le caratteristiche degli altri libri, è alquanto sottotono, non è allo stesso livello delle altre storie.C’è sempre una povera donzella in difficoltà che cerca di barcamenarsi tra lavoro e amore, ma tutta la storia è un pò scontata, tanto che spesso è facile intuire cosa succederà, arrivando poi a un finale abbastanza banale e prevedibile.Troppo marcati poi alcuni vecchi clichè e la stereotipizzazione dei personaggi: gli avvocati furbi e manipolatori che vivono solo per lavorare, la città frenetica e triste contrapposta ad una bucolico paesino di campagna dove fare la governante diventa il lavoro più bello e appagante che ci sia. Si poteva fare qualcosa di meglio.
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *