Il suono delle immagini:Metropolis

Il suono delle immagini:Metropolis
Ieri sera dopo molto tempo sono tornata all’auditorium della Rai di Torino “Arturo Toscanini” per assistere ad uno spettacolo molto particolare, il secondo appuntamento del ciclo “Il suono delle immagini”. Si tratta di una rassegna di 5 film muti, capolavori che hanno fatto la storia del cinema riproposti in versione restaurata e con l’esecuzione della colonna sonora dal vivo da parte dell’Orchestra sinfonica Nazionale della Rai.

Appena ho scoperto l’iniziativa ho subito prenotato i biglietti, mi incuriosiva molto l’idea di assistere ad uno spettacolo del genere e pensavo di sapere cosa mi attendeva, ma vi devo dire che lo spettacolo è stato superiore a qualsiasi mia aspettativa. Non avevo mai visto interamente un film muto (soprattutto uno lungo più di due ore) e in fondo in fondo pensavo potesse annoiarmi un po’ e invece è stato uno spettacolo molto coinvolgente. Il film era Metropolis, nonostante si trattasse di una storia datata 1927 il film è incredibilmente attuale, la storica lotta di classe, la contrapposizione tra la massa dei lavoratori e l’elité dei padroni è purtroppo un tema sempre attuale, soprattutto oggi in tempo di crisi.
 Tante poi le immagini entrate nella storia del cinema, Metropolis è uno di quei film che ha ispirato tantissimi registi e sceneggiatori, e fa quasi strano notare come molte trame di film recenti non si siano poi inventati niente di nuovo. L’automa realizzato da uno scienziato un po’ folle e capace di assumere le sembianze di qualsiasi altro essere umano non vi sembra una storia già sentita molte volte?
La musica è capace di sostituire parole, suoni, tante spiegazioni, riesce a creare pathos ed emozionare e a trasformare qualsiasi film. Un’esperienza davvero da provare, ancora due gli spettacoli in programma, tra i quali c’è Cabiria che festeggia quest’anno i suoi 100 anni.
Per info

 

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *