Tra arte e design:Horm

Tra arte e design:Horm
Nella mia ricerca continua di nuovi complementi d’arredo e oggetti di design, non sempre riesco a trovare qualcosa che davvero mi piaccia e mi colpisca, e per questo motivo quando trovo qualcosa capace di accendere il mio cuore da amante del design non me la lascio scappare. In particolare c’è un’azienda che ho “puntato” già un po’, prima ho intravisto qualcosa su internet, poi ho avuto tra le mani il loro bellissimo catalogo e infine sono riuscita a vedere i prodotti dal vivo, potevo poi non non parlarvene sul blog?
Oggi vi presento Horm

Molti di voi non ne avranno sentito parlare, Horm è un’azienda abbastanza giovane rispetto a molte altre sue concorrenti, è nata infatti dal 1989, ma nonostante la giovane età ha saputo fin da subito attrarre l’attenzione degli addetti ai lavori vincendo diversi premi, tra cui ben 3 compassi d’oro.

Tra i designer che firmano i pezzi della collezione Horm ci sono nomi di fama internazionale, e sono certa che quando conoscerete un po’ meglio gli esclusivi complementi d’arredo che questa azienda propone, non ve la dimenticherete più. Alcuni arredi mi sono entrati nel cuore, si tratta di pezzi dalla bellezza scultorea, tavoli, sedute, contenitori davvero unici, esclusivi ed eleganti, una ricerca estetica che si unisce all’uso sapiente e mai banale dei materiali.

Un’attenzione ai dettagli e alle tecnologie di lavorazione che richiama il mondo dell’artigianalità, uno studio e un lavoro progettuale che collocano questi arredi nel confine labile tra arte e design.

Quando parlavo di designer dalla grande fama non stavo esagerando, volete qualche nome? Mario Bellini, Mario Botta, Steven Holl, Toyo Ito, Matteo Thun, Karim Rashid, sono solo alcuni degli architetti e designer che hanno realizzato complementi d’arredo per questa azienda, pezzi unici ideati per ambienti commerciali o residenze private, arredi così belli da poter essere ammirati, ma così funzionali da poter essere utilizzati nella vita di tutti i giorni.

Come sapete ho un debole per il Karim Rashid, e inizio da lui per presentarvi alcuni pezzi di questa azienda, in particolare il designer ha ideato per Horm due tipologie di contenitori: Blend e Tipe. Entrambi hanno tutte le caratteristiche tipiche dello stile di Rashid, colori accessi e forme morbide, un gioco sapiente di onde che danno spessore e carattere a questi complementi.
Passiamo ad un altro nome degno di nome, l’architetto Steven Holl. La sua collezione Riddled prodotta da Horm comprende arredi che sono a tutti gli effetti delle opere d’arte, sculture di legno e vetro, rese uniche da un sapiente  lavoro di incisioni al laser, trafori che giocano con la luce ricreando una texture di pieni e vuoti molto suggestiva.
Tavoli e contenitori così unici e raffinati da lasciare senza fiato.

 

Talmente bella da aggiudicarsi il Compasso d’oro nel 2004, ecco la panca Ripples dell’architetto Toyo Ito. A questo primo arredo è seguita poi tutta un’intera collezione, tavolo e sedute tutte unite dallo stesso disegno e della medesima lavorazione del legno, cerchi concentrici di segni differenti che richiamano i giochi d’acqua degli stagni.

Complementi d’arredo semplici, minimali, ma capaci di attirare subito l’attenzione con la loro particolarità, di arredare in maniera discreta e elegante.

 

So cosa starete pensando, arredi bellissimi ma sicuramente lontani dal nostro budget, ma ho da darvi una buona notizia: esiste un OUTLET dove potete trovare mobili provenienti da set fotografici o negozi scontati fino al 70%. Anche se siete lontani e non potete recarvi direttamente all’outlet potete visionare i pezzi disponibili via skype e comprarli anche a distanza, comodo no?
In particolare poi dal 14 al 22 giugno c’è  un’occasione unica, 9 giorni di prezzi straordinari, vale la pena approfittarne!

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *