Mood geometrico in cucina

Mood geometrico in cucina
Se avete seguito i miei ultimi post vi sarete accorti che in questo periodo sono in pieno mood geometrico. Ho notato infatti che è tornato di moda un certo gusto alle forme geometriche, a questo mondo fatto di incastri, di giochi di linee e di forme. Si passa da un estremo all’altro: si vedono complementi d’arredo multicolore, contrapposti a oggetti dalle linee semplici e minimali. Devo dire che questa tendenza ha contagiato un po’ tutto il mondo della casa, non solo le decorazioni e i piccoli complementi, ma anche mobili importanti e di grandi dimensioni come le cucine o gli arredi per il living.
Curiosando tra le aziende di cucine alla ricerca di alcune soluzioni per un progetto, ho visto delle proposte che rispecchiano in pieno quanto vi ho appena detto, in particolare mi sono lasciata conquistare da un modello di Scavolini: la Cucina LiberaMente.
Devo fare una premessa, io amo molto Scavolini e le sue cucine, quando è stato il momento di scegliere il modello per la mia casa, mio marito è stato chiaro: bisognava comprare una Scavolini. Da allora questa è stata la nostra cucina, conosco quindi bene la qualità dei loro prodotti, la professionalità di questa azienda italiana e dei loro rivenditori. Posso quindi per esperienza personale parlarne bene e raccomandarla a chi cerca una cucina, inoltre oggi ci sono tantissimi nuovi modelli disponibili, la scelta e la personalizzazione dei materiali e dei colori è così ampia da poter accontentare anche i più esigenti.
Tra le cucine che ho avuto modo di vedere il modello LiberaMnete ha subito attirato la mia attenzione: ha delle linee molto interessanti un raffinato gioco di geometri e di volumi che danno vita a delle composizioni veramente belle e minimali.
Sembra quasi di trovarsi di fronte ad una partita di Tetris, tanti elementi funzionali che trovano in maniera equilibrata e precisa la loro corretta collocazione, trasformandosi in personali arredi, pensati non solo per la zona della cucina, ma che si estendono e occupano anche la zona del living. In questo modo si può garantire una continuità di stile, moduli simili che vestono e arredano la casa in maniera funzionale, adattandosi alle nostre esigenze.
Questi giochi geometrici sono rigorosi (grazie anche all’essenza di maniglie e alla scelta di utilizzare aperture a gola), ma non rendono la cucina fredda e impersonale. La possibilità di personalizzare queste composizioni attraverso la scelta di differenti moduli e di un’ampia gamma di finiture e di colori, fanno in modo che gli ambienti siano unici e accoglienti.
 Io sto già immaginando la mia composizione ideale, voi avete già la vostra preferita?

 

Share

Comments

  1. Anche io prediligo le Scavolini, ma le ho sempre osservate da lontano perché sono tutte piuttosto costose… Per la mia nuova cucina ultimamente pensavo a Stosa e ai suoi modelli di cucine componibili, che per le mie finanze sono più abbordabili, che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *