Una casa in bianco e nero

Una casa in bianco e nero
by

È passato tantissimo tempo dal mio ultimo home tour [l’ultima volta vi ho portato a casa di un’attrice]

Mi ero un po’ stufata di questo tipo di post, e avevo deciso di accantonarlo in attesa di tempi migliori.

Poi l’altro giorno mentre stavo cercando alcune immagini per un progetto, mi sono imbattuta in questa foto:

e mi sono subito innamorata.

La cosa che mi ha maggiormente colpito di questo appartamento è la presenza di un particolare colore: il bianco.

Se mi seguite da un po’ dovreste sapere che io non amo particolarmente questo colore, soprattutto all’interno delle abitazioni.

Io amo i colori, gli accostamenti arditi, le sensazioni che possono suscitare, il tocco unico e personale che riescono a dare a qualsiasi spazio.

Il bianco a volte mi sembra troppo banale, scontato, privo di personalità.

Poi trovi qualcuno capace di usarlo davvero, di utilizzare il bianco per raccontare una storia, dare vita a una casa, renderla elegante, appassionata, leggera.

E quindi anche una “anti bianco” come me deve cedere.

Pronti per iniziare questo speciale home tour all’insegna del black&white?

Ci troviamo in Svezia, a Goteborg, in un’appartamento di circa 60 metri quadri.

Tanta luce amplificata dall’uso del bianco: pavimento chiaro, piastrelle semplici lucide bianche che riflettono la luce, modanature e infissi bianchi, stanze arredate, ma non cariche di oggetti ed arredi, posizionati in modo da dare un senso di leggerezza e ariosità.

Amo molto l’accostamento di mobili low cost (molti i pezzi Ikea) con oggetti più ricercati e particolari.

In tutto l’appartamento domina il bianco e il nero, ma ci sono tocchi discreti di colore: nella zona giorno si trovano qui e là accessori color oro, in camera da letto colori pastello per pareti e complementi tessili.

Il grigio presenza discreta che unisce e personalizza il tutto.

Zona cucina:

mi piace molto il piano grigio della cucina e le mensole utilizzate per riporre i complementi della tavola.

Se non si hanno molti oggetti, la soluzione della mensola è davvero pratica, veloce e d’effetto, oltre al fatto che permette di mettere in bella mostra bicchieri e tazzine che spesso meritano di essere viste e ammirate e non nascoste nei mobili.

Perfetto l’accostamento di un diverso tipo di lampade: un modello (bianco) per illuminare il tavolo, un modello differente (nero) come punto luce sul piano di lavoro della cucina.

Ingresso:

un piccolo disimpegno ci accoglie appena varcata la soglia di casa, una piccola scatola molto curata nei dettagli e differente nello stile, dal resto della abitazione.

Pavimento nero e carta da parati alle pareti, panca nera con attaccapanni minimal per appendere l’essenziale.

Tutto il resto trova posto dietro una porta bianca classica che cela una nicchia adibita ad armadio.

Il tocco di classe: lo specchio stretto e lungo dal profilo vintage.

Zona giorno:

una zona conversazione intima e ben delineata, tocchi color oro dei tavolini e motivi geometrici nei pochi vasi della stanza.

Il grigio delle pareti da risalto alle bellissime modanature del soffitto e delle cornici vicino alla finestre.

Il nero come segno grafico emerge nelle cornici delle stampe alle pareti e nel filo spesso del lampadario.

Tutto è studiato e calibrato, ma allo stesso tempo informale e accogliente.

Stanza bambino:

la cornice della porta inquadra una stufa molto importante per dimensioni e decori: vera presenza scenica della casa.

Qui troviamo la stanza del bambino: piccola ma ricca di dettagli

Il bianco e il nero continuano a dominare anche in questa stanza, arricchita però di molti accessori e giochi per il bambino.

Le mongolfiere sono deliziose.

Camera da letto:

questa è la stanza dove si avverte meno la presenza del bianco, a dominare sono i colori pastello, dal verde acqua delle pareti al mix dei cuscini sopra il letto.

Tocchi di bianco si avvertono nelle porte e finestre e in piccoli accessori.

La lampade hanno tutto un fascino discreto e un gusto retrò.

Bagno:

Anche qui troviamo tanto bianco unito ad uno stile minimale.

Se posso dirvi la verità il bagno è la stanza che mi piace meno, davvero troppo semplice e scarna per i miei gusti

Si tratta di un’ambiente piccolo, il total white e la presenza degli specchi aiuta molto nel percepire lo spazio più grande e luminoso, ma qualcosa secondo me si potrebbe sistemare (cambiare magari il mobiletto del lavandino e aggiungere qualche altro accessorio).

Credits – Photo by Anders Bergstedt


Il bianco è un colore che va sempre di moda, un classico che non tramonta mai.

Sarà il protagonista anche della prossima Milano Design Week in programma a Milano dal 4 al 9 Aprile 2017.

In particolare ci sarà un’evento culturale che racconterà il Bianco nelle sue declinazioni cromatiche e simboliche: il White in the city.

  Progetto, che ha come direttore artistico il designer Giulio Cappellini e come main sponsor Oikos Srl, e che coinvolgerà, in uno speciale itinerario di architettura, arte, design e life style, alcune delle più prestigiose location di Milano dall’ Accademia di Belle Arti di Brera, alla Pinacoteca di Brera, da Palazzo Cusani e l’ex chiesa di San Carpoforo a Class Editori Space, ognuna con una diversa declinazione e interpretazione.

Il bianco esprime speranza per il futuro.

Il bianco rappresenta la luce, la semplicità, il sole, l’aria, la purezza, l’eleganza e lo stile.

Il bianco è luce vitalizzante che rigenera l’organismo e schiarisce la mente.

Non perdetevelo!


Share

Recommended Posts

Comments

  1. La casa dei miei sogni 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *