Cucine di design: un viaggio tra stili e nuovi materiali

Cucine di design: un viaggio tra stili e nuovi materiali
by

Negli ultimi anni, mi è capitato spesso di parlare con i clienti di lavori di ristrutturazioni e in generale di modifiche e di cambiamenti che riguardavano complementi d’arredo anche molto importanti.

Le storie personali sono sempre molto diverse tra loro, così come le esigenze e i gusti, ma devo dire che ci sono numerosi punti in comune, particolari e dettagli che si ripetono.

Questo mi ha permesso di  fare delle mie considerazioni personali, indicazioni che magari possono servire anche a voi e che voglio per questo motivo condividere.


Quando si cerca una abitazione e si cominciano a guardare diversi immobili, le due stanze principali che più vengono osservate e criticate sono sicuramente il bagno e la cucina.
Sia che si tratti di acquistare una casa, o sceglierla come abitazione da affittare, queste sono le stanze che più vengono osservate attentamente, sono entrambe luoghi dove amiamo sempre di più passare il
tempo per rilassarci e prenderci cura di noi stessi.

E sono anche le stanze che possono diventare le più onerose quando si parla di ristrutturazione.

Io consiglio sempre di partire da loro, di analizzare attentamente queste due stanze, di capire cosa ci piace della disposizione esistente e cosa invece vorremmo assolutamente cambiare.

Interrogo le persone sui loro gusti e sulle sensazioni, sulle emozioni che quegli ambienti devono suscitare.

Solo così si possono avere tutte le informazioni necessarie per cominciare un progetto di arredamento.


Personalmente amo partire dalla cucina.

Questo perchè mentre il bagno può essere anche visto come una stanza a sé stante, separata da tutto il resto, la cucina è per me il vero cuore della casa. La cucina dialoga con tutto quello che c’è intorno e può influire sullo stile dell’intera abitazione.

L’arredo della cucina lo vedo come un investimento, è importante scegliere il modello giusto, una composizione che sia funzionale, pratica, che duri nel tempo, ma che rispecchi anche esteticamente i nostri gusti e la nostra personalità.

Individuare il mood della cucina, può fornirci le basi per definire la nostra casa, darci la linea guida per colori, accessori, arredi.

Oltre a sottovalutare la scelta della cucina e la sua corretta progettazione,  ho notato che le persone danno poca attenzione ai materiali.

La scelta e l’abbinamento dei giusti materiali è uno degli aspetti fondamentali per un buon risultato finale.

Inoltre in commercio esistono ormai tantissime nuove proposte, c’è un grande lavoro di studio e di ricerca per perfezionare sempre di più materiali già esistenti e provare a introdurne di nuovi nelle varie composizioni.

L’innovazione nel mondo delle cucine di design c’è e non si limita solo al mondo degli elettrodomestici, ma interessa tutti i componenti di una cucina: dai piani di lavoro alle maniglie, dallo zoccolo alle mensole.

Non si tratta solo di mode e tendenze, ma l’utilizzo di alcuni specifici materiali rispetto ad altri, conferiscono caratteristiche precise ad un modello di cucina, rafforzano un elemento, lo migliorano, danno una resa estetica differente.

Indispensabile quindi conoscere le novità del settore, e per aiutarvi a fare un po’ di chiarezza nel mondo variegato dei materiali ho deciso di mostrarvi alcuni modelli di cucine di Snaidero, azienda che da 70 anni unisce cura artigianale e ricerca tecnologica per realizzare progetti che durano nel tempo.


Ceramica Laminam


Partiamo da uno dei materiali più antichi e conosciuti, utilizzato per la sua duttilità e la sua alta resistenza al calore: la ceramica.

Utilizzata da sempre come rivestimento, ora vive una seconda giovinezza grazie agli sviluppi tecnologici che permettono la realizzazione della ceramica Laminam: lastre di grande formato e spessore minimo, utilizzate per ricoprire e personalizzare superfici di notevoli dimensioni.

Le cucine della linea Way Materia di Snaidero, hanno fatto di questo materiale il loro punto di forza: la ceramica diventa elemento estetico, conferisce al progetto un effetto monolite, rende le superfici estremamente funzionali grazie alle caratteristiche proprie di questo materiale che dimostra di avere elevata resistenza al calore, alle macchie e al graffio.

Una soluzione tecnologicamente innovativa perché estremamente resistente e ricercata nell’estetica.

Il piano di lavoro in ceramica Laminam rappresenta un vero e proprio tagliere igienico e antibatterico su cui lavorare direttamente gli alimenti utilizzando lame, liquidi, olii, vino e pentole roventi.

Way Materia rappresenta l’evoluzione del concept di Way, incentrato sulla pulizia stilistica e progettuale, nella direzione della valorizzazione materica del progetto di design. Le cucine Way scelgono la ceramica Laminam per rivestire come una vera e propria pelle architettonica le superfici domestiche.


Laccatura micalizzata


 Tutti conosciamo cosa sia la laccatura: è un tipo di verniciatura che utilizza la lacca, cioè una vernice coprente.

Esistono però diversi tipi di laccatura e i risultati sono molto diversi tra loro.

Combinando progressi tecnologici ed abilità umana, si possono ottenere nuove finiture, nuovi risultati: proprio come è successo con la laccatura micalizzata, ultima tra le novità introdotte da Snaidero nell’offerta delle superfici laccate.

 Di cosa si tratta esattamente?

La vernice micalizzata si ottiene utilizzando come agente riflettente la mica, ovvero un minerale monoclino di forma pseudo esagonale che, miscelato alla vernice, crea un effetto brillante meno riflettente dell’effetto lucido ma più trasparente per cui si ottengono dei colori più “puliti” con un sofisticato effetto perlato.

 Mutuata dal settore automobilistico, la laccatura micalizzata è stata introdotta per la prima volta in Snaidero con il lancio del modello Ola20.

Un finitura davvero molto bella, unica, elegante, che conferisce un tocco glamour non solo alla composizione della cucina, ma per estensione a tutto lo spazio circostante.

Perfetto abbinamento con le linee sinuose e originali del modello Ola20: tutti gli elementi terminali e angolari di basi ed armadi si caratterizzano per la loro curvatura che impreziosisce il disegno della cucina, garantendone una fruizione ergonomica e sicura.


Nobilitati

Parliamo ora dei nobilitati: si tratta di pannelli di legno truciolare o multistrato che vengono rivestiti (nobilitati) con una pellicola o in laminato o in melaminico.

Si possono ottenere risultati molto diversi tra loro essendo disponibili una grande varietà di finitura dei pannelli, si decide il colore, si può scegliere tra opaco o lucido, spazzolato: infinite variazioni per personalizzare la cucina in maniera assolutamente unica.

Il progetto Orange di Snaidero vanta un’ampia e sofisticata palette di materiali entro cui poter scegliere: dai nobilitati materici e lisci con bordo laser, ai laccati lucidi, opachi, micalizzati e metalizzati lucidi, fino ai legni. Da evidenziare la possibilità di utilizzare delle ante jolly in laminato con una particolare texture che trae ispirazione dagli azulejos portoghesi ed ancor prima dal bagaglio decorativo arabo; si arriva così ad una sintesi di segno, che è quasi stilizzato.

È possibile creare composizioni di cucine che rispecchiano il nostro gusto e che si adattano perfettamente all’ambiente e al nostro progetto.

La cucina diventa un complemento d’arredo capace davvero di dialogare con tuta la casa, diventando a volte un tutt’uno con il salotto o il soggiorno.

L’ampia scelta di materiali, colori e forme permette soluzioni nuove, innovative, per rendere la casa uno spazio che parla di noi, ci rappresenta e ci fa stare bene.

Per tutte le info: www.snaidero.it

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *