fbpx

Testatonda: il nuovo made in Italy per la casa

Testatonda: il nuovo made in Italy per la casa
by

Testatonda

Cosa vi fa venire in mente la parola Testatonda?
Sono sicura che non molti di voi conoscono questo termine, ma sono altrettanto certa, che avete visto o utilizzato l’oggetto in questione. Testatonda è il nome di un tipo di chiodo utilizzato dai falegnami che ha (come è facile intuire), la testa in ferro tonda.

Ma Testatonda è anche il nome che hanno scelto per il loro brand quattro giovani architetti e designer Nicolò Corigliano, Valter Cagna, Matteo Minello e Alessandro Scialdone.

testatonda arscity

Ma perché scegliere il nome di un chiodo?

Il nome Testatonda si ispira al chiodo inteso come elemento di congiunzione tra il mondo del ferro e quello del legno, sintesi perfetta delle differenti anime che articolano il gruppo, i cui membri possiedono competenze trasversali che vanno dall’architettura al design, fino all’antropologia e la sociologia.

Il loro obiettivo è progettare arredi, oggetti in grado di congiungere funzionalità̀ e ricercatezza, plasmare il presente prendendo ispirazione dal lavoro creativo ma anche ripetitivo e di ricerca del mondo artigiano.

testatonda arscity

Il nuovo made in Italy

E come ispirarsi all’artigianato senza avere la propria bottega?

I Testatonda hanno preso una vecchia falegnameria di Torino e l’hanno trasformata nel loro laboratorio creativo, un posto dove poter costruire i pezzi a mano, vederli nascere e crescere.
Qui hanno preso vita i prototipi della loro prima collezione F4 che doveva essere presentata quest’anno al Fuorisalone, edizione che come tutti sappiamo, quest’anno non si è potuta svolgere.
Ecco quindi che il design cerca altre strade, e per farsi conoscere non resta che usare il web, blog e social per mostrare a tutti il frutto del proprio lavoro.

testatonda arscity

La collezione che i ragazzi avrebbero dovuto presentare al Fuorisalone si chiama F4 ed è la prima in assoluto del progetto Testatonda:
nasce come sintesi delle esperienze dei quattro creatori, un incontro di esperienze, di città, di visioni.

Una collezione composta da sette pezzi che si contraddistinguono per la loro resa estetica, per la scelta dei colori laccati e per la loro struttura che mette bene in evidenza la loro particolare composizione:

un gioco di incastri, elementi minimali e geometrici combinati tra loro che danno vita di volta in volta, ad oggetti differenti

testatonda arscity

“I prodotti sono realizzati ad incastro, perché la nostra idea era quella di proporre oggetti semplici, che non ingombrano e che non debbano essere per forza presentati già montati”

L’effetto finale è di impatto, pur nella loro essenzialità, gli arredi creati possiedono una loro forte personalità, grazie alla scelta delle tonalità cromatiche e alla finitura dei materiali ( risultato ottenuto dalla collaborazione con Rezina, le finiture di Little Greene, Ressource e Farrow & Ball).

testatonda arscity

Assemblando le varie singole parti, si creano sette prodotti complementari: tre tavolini di differenti dimensioni, una consolle, una sedia e una panca arricchite da cuscini in velluto a cui si aggiunge servo, un complemento multifunzionale ideale per la camera da letto o l’ingresso.

Da segnalare la collaborazione con Kirkby design, che per la panca ha fornito il tessuto declinato nel pattern “Piccadilly” utilizzato, nella sua versione originale, negli arredi della London Underground durante gli anni Novanta.

Una collezione dal mood contemporaneo, ma che prende ispirazione dalla progettazione più classica, quella che coniuga funzionalità ed estetica, ricerca delle forme ed eleganza, quella spinta dalla passione per il proprio lavoro e il desiderio di creare qualcosa di unico.

Per tutte le info: www.testa-tonda.com

[ se cercate altre realtà nuove del Made in Italy, qui trovate Pipedesign]


Iscrivetevi!!

Newsletter: per avere contenuti extra, sconti e ricevere subito 101 siti di design per il vostro shopping!!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *