fbpx

La Cina mette agli arresti domiciliari l’architetto Ai Weiwei

La Cina mette agli arresti domiciliari l'architetto Ai Weiwei


“Il Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, CNAPPC, e tutti gli architetti italiani, hanno appreso con sconcerto la notizia che l’architetto Ai Weiwei, autore con Herzog & De Meuron dello stadio delle olimpiadi di Pechino, è stato ridotto agli arresti domiciliari dalle autorità cinesi a causa della propria attività in favore dei diritti umani.

Gli architetti italiani chiedono al Governo di Pechino l’immediata liberazione di Ai Weiwei, privato della libertà e minacciato della demolizione del proprio studio professionale di Shanghai per aver espresso con le parole, gli atti e la sua architettura quei principi di libertà che sono patrimonio dell’umanità ed inalienabile diritto di ogni cittadino.
Roma, 7 novembre 2010″

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *