fbpx

Salviamo i Toret!

Salviamo i Toret!

I Toret sono il simbolo della città di Toino, fontane che non sono solo fontane, ma qualcosa di familiare, di conosciuto, orgoglio e soddisfazione per noi torinesi che possediamo una fontana personalizzata, con la figura del Toro e motivo di sorpresa per i turisti che trovano questo originale oggetto di refrigerio nascosto per le vie delle città. Non si capisce quindi perchè invece di cercare di valorizzarle e riportare alla vita quelle più danneggiate, si creano delle nuove fontane totalmente anonime ma che hanno il cosiddetto pregio di non attirare troppo l’attenzione e di mimetizzarsi con il paesaggio circostante. Si dice che quel verde così acceso contrasti con l’aulicità delle piazze, che attiri troppo l’attenzione, ma le fontane non dovrebbe fare proprio quello?Quando assetato ti guardi intorno alla ricerca della tanto agognata fontana e vedi quell’inconfondibile sagoma verde che subito ti risolleva? Certo è un discorso che vale prettamente per i torinesi. Io capisco anche le motivazioni della Soprintendenza e le intenzioni di creare uno scenario di un certo tipo, uniforme, elegante, ma i Toret fanno parte della città, sono il nostro orgoglio, e invece di rimpiazzarle con semplici fontane in pietra di Luserna (che lasciamo ben volentieri a quelle città che non possegono fontane simbolo cittadino)si possono collocare in postazioni più defilate, se quel verde è troppo acceso e attira troppo l’attenzione basta magari mettere i toret non al centro delle piazze in modo da non contrastare troppo con i colori delle architetture.In una grande città ricca di storia e cultura è naturale che siano presenti diversi aspetti, diverse epoche e stili, ma possono convivere benissimo tra di loro, arricchendo la bellezza della città e la gioia dei cittadini.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *