Bagni di design:cosa va di moda oggi

Bagni di design:cosa va di moda oggi
by

Il bagno è forse l’ambiente di cui vi parlo meno qui sul blog e dato che in questo periodo mi stanno arrivando diverse richieste di consigli di persone che stanno proprio rifacendo il loro bagno, ho deciso di scrivere un post per darvi qualche spunto e per mostrarvi novità e tendenze per questo ambiente.


Il risparmio energetico

Cominciamo parlando di uno degli aspetti principali di cui bisogno tenere sempre conto quando siamo alle prese con la progettazione di un ambiente: il risparmio energetico.

Che si tratti del bagno, o della cucina, ormai ci sono considerazioni legati all’uso dell’energia che non possono non essere fatte: bisogna sempre effettuare scelte che ci permettano di risparmiare energia, sia per una questione economica sia per tematiche ambientali.

Parlando poi del bagno, diventa fondamentale valutare le scelte tecnologiche e decidere di utilizzare gli strumenti presenti sul mercato che possono aiutarci in questo compito di risparmio.

Io ad esempio vi consiglio di valutare attentamente l’acquisto di una caldaia a condensazione all’avanguardia.

Le caldaie a condensazione sono infatti considerate all’avanguardia perchè, che siano murali o a basamento, consentono di ottenere rendimenti elevatissimi in termini di risparmio energetico poichè recuperano il calore latente generato dalla combustione. Una tecnologia avanzata dunque che coniuga un’ottima facilità d’uso al vantaggio della riduzione dei consumi e delle emissioni nocive, per fare felici sia noi che l’ambiente.

In pratica nelle caldaie a condensazione, il calore latente generato durante la produzione dei fumi di scarico, non viene disperso, ma utilizzato per preriscaldare l’acqua di ritorno dell’impianto, permettendo di ottenere un considerevole aumento del rendimento termico, un abbattimento della potenza necessaria alla caldaia e costi ridotti del 40%.

Una soluzione che coniuga risparmio economico e lotta agli sprechi, un modo sostenibile per avere acqua calda in bagno, in cucina e termosifoni funzionanti in tutta casa.

 


Le vasche freestanding

La vasca sta tornando ad essere una delle protagoniste più importanti per l’arredo bagno.

Dopo anni di dominio della doccia, ora si è ritornati ad apprezzare la bellezza, l’unicità e la comodità di una vasca di design.

In particolare le ultime tendenze vogliono l’utilizzo di una vasca freestanding, una vasca cioè a libera installazione, che può essere posizionata ovunque, anche in centro stanza perchè è rifinita su ogni lato.

In commercio ci sono ora tantissimi modelli, vasche dal design minimal, dalle forme sinuose, colorate, o con rifiniture particolari.

Se vi preoccupa l’ingombro di queste vasche non dovete preoccuparvi, non dovete per forza posizionarla al centro del bagno, potete collocarla anche vicino ad una parete o scegliere un modello dalle dimensioni contenute: cercando un po’ in giro sono sicura tre troverete la vasca perfetta per lo spazio che avete a disposizione.


Il terrazzo veneziano

Il rivestimento che sta tornando di gran moda da circa un anno è lui: il terrazzo alla veneziana.

Di cosa si tratta esattamente?

È un tipo di pavimentazione tipico dell’area veneziana e triveneta, utilizzato fin dall’antica Grecia.

Un rivestimento composto da granulati di marmo e di pietre di diametro fino a 40 mm che come legante hanno calce di ciottolo (o cemento) mista a graniglia fine e cocciopesto fino, con un diametro fino a 5 mm.

Lo avrete sicuramente visto molte volte in giro, è un rivestimento che era molto usato qualche decennio fa, ma ora è ritornato in una veste nuova, con colorazioni dal gusto contemporaneo e se usato nel modo corretto, può dare grande personalità al bagno.

Se pensate che non faccia al caso vostro, vi invito a guardare alcune immagini di bagni che ho trovato su internet: vedrete che il terrazzo alla veneziana può essere utilizzato in modi molto differenti tra loro, può decorare superfici molto ampie di pavimenti e pareti, oppure può decorare solo alcuni elementi e venire utilizzato solo per singole zone specifiche (vicino al lavabi o nella zona doccia).

Si tratta di un materiale che si adatta bene a qualunque stile, da quello più moderno, ai bagni dal mood classico e tradizionale, basta solo scegliere la trama e i colori che meglio si adattano al contesto.


I sanitari colorati

Uno dei cambiamenti che a mio avviso è stato più significativo in questi ultimi tempi riguarda i sanitari.

Non sto parlando dei sanitari sospesi, ma dei sanitari colorati: è finita l’egemonia del bianco, finalmente sono arrivati i colori!

Ora è possibile scegliere wc, bidet e lavabi nella tinta che più ci piace, e non si tratta di colori banali, ma sul mercato ci sono infine gradazioni, colori pastello, finiture opache: il bagno si veste di nuovi colori, e le possibilità di personalizzazione sono davvero tante.


La carta da parati

Vi parlo molto spesso della carta da parati [qui trovate l’ultimo post che ho dedicato proprio alle ultime tendenze], ma quello che non vi ho forse mai detto bene è che ormai la carta da parati ha conquistato anche l’ambiente del bagno e viene utilizzata per personalizzare tutte le pareti senza temere l’acqua e l’umidità.

Come è possibile tutto questo?

Grazie ai progressi che sono stati fatti, alla ricerca e alla realizzazione di nuovi materiali che permettono di decorare senza paura anche la parete che viene a contatto diretto con la doccia.

Anche per la carta da parati i modelli disponibili sono tanti: diverse fantasie, colori, immagini, decorazioni, potete davvero sbizzarirvi.

L’importante è scegliere carte da parati progettate per l’ambiente bagno, e in particolare dovete acquistare carta da parati vinilica impermeabile per le pareti diciamo normali, e carte da parati in fibra di vetro per le pareti invece a contatto diretto con l’acqua (come magari la parete della doccia).

Il consiglio è sempre quello di farsi aiutare da esperti del settore, sia per la scelta della giusta tipologia di carta, sia per la sua messa in opera.

Il risultato finale sono sicura che sarà strepitoso!


Credits per le immagini

 

Share

Comments

  1. Ottimi consigli! Mancano solo i tappeti 😉

  2. […] l’avevo detto che la decorazione a terrazzo era tornata di moda [qui trovate un post dove ve ne avevo parlato] e la collezione di Ceramica Sant’Agostino vi […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *