Abstract il documentario per gli amanti del design

Abstract il documentario per gli amanti del design
by

Oggi parliamo di programmi televisivi,anche se forse il termine non è molto corretto.

Ormai con pc, tablet e le varie piattoforme streaming di film e documentari, il concetto di televisione e programmi è un po’ cambiato.

Io però voglio parlarvi di programmi televisivi e design.

Dite la verità, quali nomi vi vengono in mente?

Film, serie tv, documentari o programmi:quanti di loro parlano di design? (includendo nel termine di design un po’ di tutto, moda, architettura, oggetti, grafica ecc)

Se non lo sapete ve lo dico io: pochi, molto molto pochi.

Mi viene in mente solo Design for Life Sognando Philippe Starck, lo avevate visto?

Era una specie di talent show di qualche anno fa, dove dei giovani designer si contendevano un posto nello studio del famoso architetto. Programma carino, ma era fondamentalmente un talent, quindi si parlava di design, c’erano prove da superare, ma tutto era incentrato sui giovani partecipanti.

Documentari, belli, interessanti e diciamolo anche non pallosi, ce ne sono pochi.

Per questo anche se già in molti ne hanno parlato, voglio presentarvi anche io la serie di documentari realizzati da Netflix sul design:sto parlando di Astract, the art of design.

Un viaggio nelle menti dei più innovativi designer in diversi campi per scoprire l’impatto che il design ha su ogni aspetto della nostra vita.

8 episodi, 8 puntate dedicate a creativi, artisti, designer operanti in settori differenti, uniti tutti dalla passione per il proprio lavoro, dalla creatività, dalla voglia e dalle necessità di vivere i loro sogni ed esprimere le proprie potenzialità.

8 interviste che io ho divorato in un weekend, che mi hanno arricchito e fatto scoprire aspetti nuovi di alcune professioni, che mi hanno fatto riflettere, emozionare, sognare.

Si tratta di documentari non solo interessanti, ma anche appassionanti, realizzati in maniera nuova, dinamica, divertente.

In particolare i due episodi che ho trovato più belli e originali dal punto di vista della realizzazione sono quelli dedicati all’illustrazione con Christoph Niemann e alla scenografia con la geniale Es Devlin.

Qui i designer si raccontano, parlano del loro processo creativo, della loro storia e dei loro lavori trasportandoci in uno spazio nuovo tra realtà e immaginazione.

Vi assicuro che vale davvero la pena di vederli e di immergersi nel loro lavoro.


Le due puntate invece più vicine ai miei interessi e al mio lavoro, sono quelle legate all’architettura e all’interior design.

Bjarke Ingels è il nuovo mito per tutti gli studenti di architettura e neo architetti alle prese con la dura realtà lavorativa che li circonda, in un mondo dove gli architetti raggiungono la fama e si aggiudicano gli appalti solo in tarda età, lui è la dimostrazione che a volte ce la si può fare. Una puntata interessante, divertente (con richiami al film Inception), che fa sognare, stupire e lascia a noi poveri architetti italiani un po’ di amaro in bocca (per tutto quello di bello che si potrebbe fare e invece non si fa mai).

E poi c’è lei: Ilse Crawford che passa da un progetto all’altro, da una rivista ad una collezione per Ikea, dall’insegnamento alla progettazione.

Una puntata ricca di spunti e riflessioni.

Questi documentari offrono l’occasione di scoprire nuove realtà, nuovi campi del design che magari non avevamo mai affrontato.

Io ad esempio sono rimasta molto colpita dalla puntata dedicata al lavoro di Tinker Hatfield come designer di scarpe, non avevo mai pensato a tutto il lavoro di progettazione e studio che può esserci dietro la creazione di un oggetto come la scarpa da ginnastica.

Sono rimasta colpita e affascinata dalla sua storia e dai risultati ottenuti.

Stesso discorso per la puntata dedicata a Ralph Gilles, capo design del gruppo FCA: certo sapevo bene del grande lavoro di progettazione che deve esserci dietro alla ideazione di nuove automobili, ma la passione, l’attenzione ai vari aspetti della carrozzeria, dell’abitacolo, mi hanno decisamente  impressionato.

 Un documentario che consiglio a tutti, appassionati di design e non.

Per tutte le informazioni potete andare qui

Potete iscrivervi gratuitamente a Netflix per un mese e fare una scorpacciata di documentari e serie tv, e vedrete che non ne farete più a meno!

[giuro che non è un post sponsorizzato da Netflix!]

Buona visione!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *